La community: 5 consigli utili per crearne una intorno al tuo brand

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Hai mai sentito parlare di community? In questo articolo voglio spiegarti di cosa si tratta e come puoi crearne una a supporto del tuo business.

Possiamo definire la community come un insieme di persone che condividono valori, passioni e interessi. Fondamentale è quindi il concetto di condivisione: quando le persone hanno qualcosa in comune si sentono parte di un gruppo dove poter esprimere liberamente la loro opinione, senza timore di essere giudicati. 

Ti starai chiedendo: “a cosa può servire questo per la mia azienda?” Semplice: le community possono nascere intorno ad un brand, coinvolgendo tutte quelle persone che nutrono una vera e propria passione per quel marchio. Chi sono queste persone? Proprio i clienti. Nel momento in cui questi decidono di entrare in una community vuol dire che il loro interesse per quel brand è davvero forte, diventando dei cosiddetti brand ambassador. 

Dopo averti brevemente illustrato cos’è una community voglio darti alcuni suggerimenti utili per aiutarti a crearne una intorno al tuo brand.  

1 Definisci il tuo obiettivo

community

Innanzitutto è fondamentale che tu capisca qual è il tuo scopo. Per farlo poniti la domanda: “Perché le persone dovrebbero far parte della mia comunità? Cosa offro loro?” Ad esempio, se hai un’agenzia di viaggi e vuoi creare la tua community, l’obiettivo potrebbe essere dare consigli utili su tutto ciò che riguarda il mondo dei viaggi. A questo aspetto si lega dunque definire il tuo target: quali caratteristiche devono avere le persone che vuoi che entrino nella tua community? Riprendendo l’esempio dell’agenzia di viaggi, potrebbero essere le persone che amano viaggiare.

2 Definisci i principali aspetti della tua community

community

Puoi scegliere se rendere la tua community pubblica, ossia accessibile a tutti (vedi ad esempio quella di Nutella) o privata, cioè accessibile solo previa iscrizione. In questo ultimo caso dovrai decidere come renderlo possibile, ad esempio ponendo delle domande che attestino il reale interesse verso il tuo brand. Una volta definito questo, scegli il canale dove creare la tua community. A tal proposito puoi optare tra:

  • Piattaforme gratuite come i social network (Facebook, Instagram, Telegram, ecc). 
  • Piattaforme di proprietà come il tuo sito web.

3 Definisci regole

Affinché l’ambiente sia il più possibile sereno e tranquillo, definisci delle regole che i membri della community devono rispettare, ad esempio evitare insulti, parolacce, ecc. Questo elemento è molto importante: chi entra in una community si aspetta di trovare un posto sicuro dove poter esprimere liberamente la propria opinione, senza essere giudicato. Di conseguenza è indispensabile creare e comunicare regole di buona condotta.

4 Cerca di essere coinvolgente 

community

Non abbandonare mai la tua community, ma crea contenuti coinvolgenti. Obiettivo? Stimolare la partecipazione delle persone. Dunque, a seconda di quale canale tu abbia scelto, cerca di fornire spunti per far interagire il più possibile i membri della community. Riprendendo l’esempio dell’agenzia di viaggi, se utilizzi Instagram puoi sfruttare i post per chiedere qual è stata la loro meta preferita e perché. In questo modo c’è la possibilità che si vengano a creare delle conversazioni sotto il post.

Rimanendo su questo argomento è inoltre importante cercare di rispondere il più possibile ai membri della community, che sia in privato o sotto il post stesso. Questo serve a rafforzare il legame con i tuoi clienti: leggere una risposta da parte del “brand” ad un proprio messaggio li farà sentire importanti, ma soprattutto sempre di più parte di qualcosa. Risultato? Fidelizzazione dei tuoi clienti.

5 Sii attento

attenzione

Quando crei una community non pensare di aver finito. Cerca di porre sempre attenzione a quello che succede al suo interno, leggendo i commenti dei suoi membri. Perché questo? Perché puoi prendere spunto dalle loro parole per migliorare il prodotto, per pensare a nuove idee, per proporre altri argomenti di discussione, ecc. Prendere in considerazione le parole dei membri della tua community li farà sentire ascoltati, e rafforzerà ancora di più il legame tra te e loro. Dall’altra parte ti permetterà di conoscerli meglio, capire quali sono i loro bisogni e sviluppare nuove soluzioni per soddisfarli. 

Conclusione

In questo articolo ti ho voluto dare alcuni consigli utili per creare una community forte e coesa intorno al tuo brand. La tua azienda non è solo prodotti e/o servizi, ma anche valori, che devi comunicare. Solo in questo modo possono crearsi delle community, coinvolgendo tutte quelle persone che condividono i tuoi stessi valori. 

Da una parte, questo ti permetterà di raggiungere in maniera diretta i tuoi clienti attuali, rafforzando il legame con loro e fidelizzandoli. Dall’altra, si creerà un passaparola positivo riguardo il tuo brand che ti permetterà di raggiungere gratuitamente (dato che saranno i tuoi stessi clienti a farlo, spinti dalla passione per il tuo marchio) anche i clienti potenziali.